mercoledì 14 giugno 2017

Amori sbagliati e relazioni che feriscono.


Di «amori sbagliati» ne parleremo mercoledì 28 giugno alle ore 18.30.
L'incontro è gratuito e, per ragioni di spazio, prevede la partecipazione di un numero non superiore a 8 persone.
E' pertanto gradita la pre-iscrizione entro mercoledì 28 giugno, inviando una e-mail a: cicerimariangela@gmail.com oppure telefonando al 347.58.74.157

Le esperienze di vita condizionano le decisioni che prendiamo.
Ciò è dovuto al fatto che gli eventi del passato hanno questo potere e ,a volte riconquistare il controllo della situazione, richiede impegno e fatica.
Succede così che dopo una serie di incontri o relazioni andate male di chiedersi:  «perché sono attratta sempre dalle persone sbagliate?»
Hazan e Shaver, in una ricerca del 1987, dimostrarono l’esistenza di una significativa connessione tra il modo in cui ci siamo sentiti amati dai genitori e quello con il quale ricerchiamo i partner.
In un articolo: Romantic love conceptualized as an attachment process, pubblicato su una prestigiosa rivista di psicologia il Journal of Personality and Social Psychology, riportarono gli esiti dello studio dichiarando che esistono tre tipologie relazionali che condizionano la scelta di chi vorremmo accanto per una sera o per tutta la vita.
Li definirono «forma di attaccamento» perché, come dimostrarono, avevano correlazioni significati con un altro meccanismo: il Modello di attaccamento, ovvero: «il legame particolare che unisce stabilmente il bambino alla madre o, comunque a una persona che si prende cura di lui a partire dalla nascita».[1]
Ne emerse che le persone con un attaccamento «sicuro» che avevano avuto una madre o una altra figura di accudimento capaci di comprendere le sue richieste, di rispondere in modo adeguato e funzionale ai bisogni e alle paure, riuscivano a vivere intensamente l’intimità di una relazione, a sentirsi sullo stesso piano dell’altro, a riconoscere e perdonare i propri errori e quelli altrui, ricucendo strappi emotivi sostenendo o chiedendo sostegno quando la situazione lo richiedeva.
Chi invece aveva trascorso la propria infanzia accanto a una persona che non era riuscita a comunicare fisicamente con lei/lui, evitando contatti fisici atti a ridurre situazioni di stress e di paura, tendeva a non riconoscere i propri bisogni reali all’interno della relazione di coppia. Mettevano se stessi in secondo piano, sempre e comunque, in nome di doverismi educativi introiettati da una madre che aveva loro impedito di accedere e relazionarsi con aspetti emotivi importanti quali la rabbia, la frustrazione, la paura, la fragilità.
Anche in una relazione percepita come «buona» queste persone non riuscivano a chiedere, non si riconoscevano diritti, non osavano pensare di meritare qualcosa di più di quello che avevano.
Accanto a loro, in una modalità di attaccamento denominato: insicuro/preoccupato vi erano le persone che avevano avuto nei primi anni di vita, madri incostanti nella risposta alle loro richieste emotive, poco inclini a comprendere con costanza i loro bisogni spingendoli, da adulti, a scegliere come partner persone inaffidabili, inconsistenti.
Ma Hazan e Shaver non furono gli unici a occuparsi del modo in cui scegliamo quelli che crediamo essere i nostri o le nostre compagne di vita.
Bartolomew e Horowiz nel 1991 [2] fecero uno studio analogo tenendo conto delle caratteristiche di personalità e degli stili di comportamento. Individuarono così tre stili: Autonomo, Rifiutante, Preoccupato.
Arietta Slade nel 1999 propose una classificazione «concentrandosi sull’espressione affettiva e sulle strutture della regolazione affettiva stessa.»[3]
Queste studi e queste teorie messe a confronto conducono ed esprimono, sebbene in maniera concettualmente diversa, il modo in cui cerchiamo l’amore.
A seconda di come siamo stati amati da piccoli, di come le persone che avrebbero dovuto prendersi cura di noi, ci hanno mostrato quanto e come fossimo degni di essere amati, abbiamo plasmato il progetto di ricerca dell’altro.
Innamorarsi della persona sbagliata, significa solamente ricercare, in nome dell’amore, la persona adatta a confermare l’idea che abbiamo di noi e del nostro valore, mossi dal bisogno di risanare quella ferita primordiale che genitori «inadatti» ci hanno inflitto.
Genitori negativi ci spingeranno verso partner altrettanto negativi.
Innamorarsi sempre e solo della persona sbagliata, non è una colpa, è la conseguenza di accudimenti inadatti,.
Comprenderli e accoglierli, potrebbe essere il primo passo per cambiare qualcosa che sentiamo non esserci utile.

 

 


 
Copyright © 2016 Mariangela Ciceri 
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via e-mail, saranno immediatamente rimossi.




[1] D. Rollo. Breve dizionario di psicologia dello sviluppo e dell’educazione. Carocci Editore. Roma. 2010 (2015)
[2] Attachment styles among young adults: a test of a four-category model.
[3] http://www.spiweb.it/psiche_rivista/attaccamenti/4/ZAVATTINI-0.pdf

Nessun commento:

Posta un commento